AZIENDE SENZA FUMO

Sono numerose le ragioni per le quali le Aziende devono occuparsi del problema del tabagismo, in particolare:

  • l’adeguamento alle normative vigenti nel nostro paese;
  • favorire un ambiente di lavoro adeguato al mantenimento della buona salute dei lavoratori;
  • andare incontro alle sempre più frequenti richieste dei non fumatori di essere protetti dal fumo passivo, in quanto il livello di informazione e consapevolezza dei danni che esso provoca è in aumento e ne consegue un aumento delle cause intentate da lavoratori nei confronti delle Aziende per i riconoscimento di patologie (soprattutto cancro al polmone) per esposizione al fumo passivo.
      
    Esistono poi altre motivazioni -sicuramente meno nobili- ma che devono essere comunque considerate:

  • le patologie che si sviluppano in seguito alla esposizione al fumo attivo e passivo producono un aumento del 34% del livello di assenza dal lavoro per ragioni di salute.
  • Il fumo sottopone le aziende a un aumento del rischio di incendi, incidenti e infortuni sul lavoro.
  • Nei fumatori inoltre si riduce la produttività, non solo per via della diminuzione della concentrazione e rendimento intellettuale dovuto alla minore ossigenazione mentale, ma anche perchè i fumatori accumulano nel corso di un anno fino a 180 ore di pause non autorizzate per fumare.
  • Frequentemente il fumo è motivo di conflittualità tra i lavoratori e crea una cattiva immagine aziendale.
      
    In sostanza, si calcola che il lavoratore fumatore può costare alla azienda fino a 3.000 euro all’anno in più rispetto al non fumatore.

    Scegliere una strategia aziendale finalizzata a promuovere la cessazione della abitudine al fumo può portare quindi a una Azienda numerosi VANTAGGI:

    • MINORE ASSENTEISMO
    • MAGGIORE PRODUTTIVITA’
    • MAGGIORE SICUREZZA
    • DIMINUZIONE DELLA CONFLITTUALITA’
    • MAGGIORE PULIZIA
    • MIGLIORAMENTO DELLA IMMAGINE AZIENDALE
    • RISPARMIO DI DENARO

      
    Infine, va considerato che il sostegno dell’Azienda nell’aiutare i lavoratori a smettere di fumare, viene considerato dal fumatore come una delle maggiori opportunità che il datore di lavoro può offrire ai propri dipendenti.


    Condividi questo contenuto...